Fabrizio De André: Crêuza de mä

(1984)

“Ómbre de môri
môri de mainæ
dónde ne vegnî,
dôve l’é ch’anæ?”


Mi piace pensare che, se fosse vivo, oggi Fabrizio De André sarebbe un settantenne arzillo, dai commenti politici sferzanti e di certo sarebbe ancora considerato un “poeta”, lui che preferiva considerarsi solo un cantastorie.

Questo disco è una delle sue vette, considerato il migliore degli anni ’80 da Musica & Dischi e considerato tra i migliori anche da artisti del calibro di Peter Gabriel e David Byrne. Quest’ultimo, intervistato dalla rivista americana Rolling Stone (all’epoca, per fortuna, quella italiana ancora non c’era), decretò “Crêuza” uno dei dieci album più importanti della scena musicale internazionale.

E’ completamente cantato in genovese, cosa che all’inizio spaventò, e non poco, la casa discografica. E’ un disco di storie, che parla di marinai e del loro tornare a casa (“Crêuza de mä”), del dolore causato dalla morte di un figlio per colpa della guerra (“Sidún”), della storia di un marinaio della Repubblica Genovese (“Sinàn Capudàn Pascià”) e del permesso concesso alle prostitute, da parte del comune di Genova, di passeggiare nel centro di domenica (“Â duménega”).

Il lavoro che esiste dietro questo disco parte dai testi di Faber per arrivare alla ricerca musicale di Mauro Pagani, che usò (per la prima volta in Italia) strumenti come il Saz, l’Oud, lo Shanai e il Bouzouki.

Nel 2004, per festeggiare i vent’anni dell’uscita di Crêuza de mä, lo stesso Mauro Pagani ha riproposto l’intero disco, aggiungendo alcune canzoni che non erano state inserite nell’84 insieme a “Mégu Megún“, pubblicata nel disco successivo di Fabrizio De André Nuvole.

Oltre al rifacimento di Mauro Pagani del 2004, l’anno successivo anche Morgan ha rifatto per intero il disco di Fabrizio Non al denaro non all’amore nè al cielo. Unici casi al mondo, se si esclude l’omaggio di questi giorni di The Flaming Lips ai Pink Floyd con il rifacimento di The dark side of the moon.

Come video ho scelto uno di Crêuza de mä nel quale la canzone si alterna alla spiegazione di Fabrizio De André sulla nascita del disco.

Tracklist:
01. Crêuza de mä
02. Jamin-a
03. Sidún
04. Sinàn Capudàn Pascià
05. ” pittima
06. Â duménega
07. D’ä mê riva

CRêUZA DE Mä
Umbre de muri muri de mainé
dunde ne vegnì duve l’è ch’ané
da ‘n scitu duve a l’ûn-a a se mustra nûa
e a neutte a n’à puntou u cutellu ä gua
e a muntä l’àse gh’é restou Diu
u Diàu l’é in çë e u s’è gh’è faetu u nìu
ne sciurtìmmu da u mä pe sciugà e osse da u Dria
e a funtan-a di cumbi ‘nta cä de pria
E ‘nt’a cä de pria chi ghe saià
int’à cä du Dria che u nu l’è mainà
gente de Lûgan facce da mandillä
qui che du luassu preferiscian l’ä
figge de famiggia udù de bun
che ti peu ammiàle senza u gundun

E a ‘ste panse veue cose ghe daià
cose da beive, cose da mangiä
frittûa de pigneu giancu de Purtufin
çervelle de bae ‘nt’u meximu vin
lasagne da fiddià ai quattru tucchi
paciûgu in aegruduse de lévre de cuppi

E ‘nt’a barca du vin ghe naveghiemu ‘nsc’i scheuggi
emigranti du rìe cu’i cioi ‘nt’i euggi
finché u matin crescià da puéilu rechéugge
frè di ganeuffeni e dè figge
bacan d’a corda marsa d’aegua e de sä
che a ne liga e a ne porta ‘nte ‘na creuza de mä

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: