Stadio: Diamanti & caramelle

(2011)

La prima cosa che abbiamo pensato ascoltando Diamanti e caramelle, il nuovo disco degli Stadio, è che si potrebbe definire a tutti gli effetti un album dei ricordi. Pubblicato a trent’anni di distanza da Grande figlio di puttana (quel primo singolo ufficiale scritto da Lucio Dalla e dedicato a Ricky Portera, all’epoca chitarrista della band), questo nuovo lavoro segna dunque una tappa importante nella brillante carriera della storica band emiliana. Band che dimostra così di avere ancora voglia di fare musica, ma senza aggiungere particolari novità.

Nonostante questo, buon per loro, il mercato li premia con l’entrata in classifica. Sarà perché le dodici canzoni in tracklist offrono un classico disco da Stadio, con quel sapore pop casereccio che li contraddistingue, farcito con qualche schitarrata, alcuni assoli di tastiera e un po’ di mestiere. Il tema dominante dell’intero album è l’amore. Quello travolgente per una donna speciale (Onde d’inverno) o quello che finisce (Amore addio), quello desiderato nella distanza (Inseparabili), quello fatto di totale abbandono (Piuttosto che non averti mai incontrato) e quello senza il quale la vita non avrebbe lo stesso senso (Un passo dopo l’orizzonte).

Si parla di scelte sbagliate che non devono generare rimpianti (Fammi sbagliare) e c’è l’invito a vivere il presente senza pre-occuparsi del futuro (Ferma la felicità). Insomma, le solite cose, dove cuore fa rima con fiore (o amore), dove si possono trovare abbracci a piovere e dove domani bruceremo il sole / solo con la forza dell’amore.

Ma perché un album di ricordi? Senza troppi giri di parole perché gli Stadio, in questo disco, ripetono se stessi al punto da far sembrare questo nuovo lavoro una raccolta di vecchi successi riarrangiati. Si ripetono e in alcuni casi riescono a ripetere, a ricordare (più o meno consciamente), anche altri artisti.

Il singolo Gaetano e Giacinto, che ha anticipato l’uscita del disco, ne è l’esempio lampante. Nel testo della canzone (scritto da Andrea Mingardi) si parla di un calcio d’altri tempi, citando due vecchie bandiere come Gaetano Scirea (ex calciatore juventino) e Giacinto Facchetti (ex calciatore e dirigente interista). Sul piano musicale, invece, il brano rispolvera, almeno inizialmente, la trama di Stairway to heaven (a sua volta ispirata da Taurus degli Spirit), dimostrando come Curreri e soci non siano di certo i Led Zeppelin.

Così come un altro esempio di ricordo si può trovare in Poi ti lascerò dormire, dove l’arpeggio al pianoforte ricorda molto da vicino un famoso brano (qui rallentato) di Robert Miles. O ancora si potrebbe parlare del ritornello di Onde d’inverno, anche questo più lento (e meno energico) rispetto al ritornello originale del brano Cinque minuti, degli stessi Stadio. Dispiace dirlo, ma ci si trova davanti un disco che non aggiunge niente di nuovo, che ripete il già sentito, nel quale il brano migliore è La promessa, non nella versione che apre il disco (affidata alla sola voce di Gaetano Curreri) ma in quella di chiusura, cantata insieme a Noemi.

Restando ancora in tema di ricordi, vengono in mente le parole usate da Curreri per spiegare il titolo dell’album, titolo scelto non per caso: Diamanti e caramelle è l’essenza degli Stadio. Le nostre canzoni sono brillanti come diamanti e allo stesso tempo sono caramelle dolci da assaporare quando si ha bisogno di felicità. Accantonando la modestia, chissà se parlava di quella stessa felicità che abbiamo raggiunto dopo aver cambiato disco.

Tracklist:
01. La promessa 
02. Diamanti e caramelle
03. Ferma la felicità
04. Inseparabili
05. Piuttosto che non averti mai incontrato
06. Poi ti lascerò dormire
07. Gaetano e Giacinto
08. Amore addio
09. Fammi sbagliare
10. Onde d’inverno
11. Un passo dopo l’orizzonte
12. La promessa (ft Noemi)

(Pubblicato su PopOn)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: